crisis is dead

crisis is dead

0.00

Il maiale fa parte di noi: è tradizione, storia, patrimonio delle nostre terre. Da secoli in tutto il mondo è simbolo di abbondanza, piacere e soprattutto una delle più antiche risorse alimentari dell’umanità. Questo animale in passato ha costituito una sicura riserva di cibo per tutto l’anno, in particolare nei mesi invernali, i più duri e difficili, quando la campagna riposa e non da alcun frutto. Intorno a lui il nostro territorio ha fondato le basi dell’economia.
Il maiale ha sempre avuto una parte essenziale nelle vicende quotidiane delle famiglie contadine in cui il sacrificio e la fatica del duro lavoro di un anno è coronato da un giorno di festa a lungo atteso. Si raccolgono i frutti dei mesi passati ad allevarlo.
Ugualmente rompere il salvadanaio permette di riprendersi gli investimenti accumulati ad “ingrassarlo”. Mettere da parte qualche soldo non diventa un peso se si è consapevoli che servirà a soddisfare un desiderio. Allo stesso modo la crisi non deve spaventare: porterà solo benefici a chi sa reagire.

crisis is dead è un salvadanaio in ceramica. Non un salvadanaio qualunque, ma un maiale più attuale e realistico. Il packaging sottovuoto, come un vero e proprio insaccato, è esso stesso parte del prodotto. E’ quasi un peccato scartarlo.
Dopo “punk is dead”, “crisis is dead” (not only pig). Anche la crisi non esiste più. La crisi c’è solo per chi rimane a piangersi addosso. Per chi si adatta al mutare della società ed è disposto a rimettersi continuamente in gioco la crisi è una ricchezza che favorisce il cambiamento, l’evoluzione, il miglioramento.
Il vecchio maialetto di coccio è ora già un insaccato bello grasso. Grasso che cola. Enjoy your crisis!

Add To Cart

ceramica

autoproduzione
©   2014   urge design


riconoscimenti

2015

  • selezionato, Mediterranea 17 - NO FOOD’S LAND, Young Artists Biennale (Bjcem international network), Milano

 

mostre

22.10.2015 > 22.11.2015   Fabbrica del Vapore, Milano
Mediterranea 17 - NO FOOD’S LAND, Young Artists Biennale (Bjcem international network), a cura di Andrea Bruciati

 

 
 etichetta

etichetta